X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Rinnovata la disciplina collettiva per le aziende del comparto elettrico

L’accordo riconosce ai lavoratori un aumento complessivo (Tec) pari a 124 euro lordi nel triennio

/ Rosalba PELUSI

Venerdì, 18 ottobre 2019

È stato siglato il 9 ottobre 2019 da Elettricità Futura, Utilitalia, Enel S.p.A., GSE S.p.A., Terna S.pA., Energia Libera e le OO.SS. Filctem-CGIL, Flaei-CISL, Uiltec-UIL l’accordo per il rinnovo del CCNL per i circa 50.000 lavoratori addetti al settore elettrico, scaduto il 31 dicembre 2018.

Il nuovo contratto, che estende il campo d’applicazione alle attività di efficienza energetica e ai servizi commerciali di assistenza ai clienti, decorre dal 1° gennaio 2019 e scadrà il 31 dicembre 2021.
Ai sensi dell’Accordo interconfederale sulla contrattazione del 9 marzo 2018, le parti hanno previsto un aumento complessivo (Tec) pari a 124 euro medi nel triennio, di cui 104 sui minimi contrattuali (Tem), 15 sul premio di produttività e 5 sul “welfare contrattuale”.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU