X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Conservazione di giustificativi extra Ue senza pubblico ufficiale limitata

Per l’effettivo scambio di informazioni che rende il documento «non unico» si fa riferimento ai Paesi white list

/ Barbara ROSSI e Fabio RIVA

Venerdì, 18 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello n. 417 pubblicata ieri, 17 ottobre 2019, è tornata a occuparsi della conservazione sostitutiva, in particolar modo della dematerializzazione delle note spese e dei relativi giustificativi extra Ue, facendo seguito alle recenti risposte n. 388 del 20 settembre e n. 403 del 9 ottobre 2019.

L’istante chiede se, sulla base di un processo di gestione delle note spese e dei relativi giustificativi del tutto informatizzato, in grado di garantire e autenticare che siano rispettati i requisiti richiesti dal legislatore (i.e. immodificabilità, inalterabilità e leggibilità nel tempo), conformemente alla normativa civile e fiscale, tali documenti possano considerarsi originali “non unici”. Per quest’ultimi documenti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU