X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Scrittura privata disconosciuta non utilizzabile dal giudice tributario

La mancata proposizione dell’istanza di verificazione equivale a una dichiarazione di non volersi avvalere del documento

/ Francesco BRANDI

Sabato, 30 novembre 2019

Il disconoscimento della scrittura privata fa venir meno la pretesa dell’Amministrazione finanziaria su di essa fondata senza necessità di proposizione della querela di falso. Infatti, la parte nei cui confronti venga prodotta una scrittura privata può optare tra la facoltà di disconoscerla e la possibilità di proporre querela di falso, essendo diversi gli effetti legati ai due mezzi di tutela: la rimozione del valore del documento limitatamente alla controparte o erga omnes.
Nel caso di disconoscimento, la mancata proposizione dell’istanza di verificazione equivale a una dichiarazione di non volersi avvalere del documento e impone al giudice di non tenerne conto ai fini della decisione.
Lo ha ricordato la Cassazione con la sentenza n. 30145 del 20 novembre 2019, che ha accolto il

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU