X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 29 novembre 2020

IMPRESA

La Cassazione ammette la revocabilità della scissione

Primo intervento in materia dei giudici di legittimità; dottrina e giurisprudenza di merito risultano fortemente divise

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 5 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

È possibile la revocatoria ordinaria, ex art. 2901 c.c., dell’atto di scissione. Ad affermarlo, per la prima volta, è la Cassazione, nell’ordinanza n. 31654, depositata ieri, a fronte di dottrina e giurisprudenza di merito che, ad oggi, risultano fortemente divise sul tema.

A sostegno della tesi dell’inammissibilità si pongono, tendenzialmente, i seguenti argomenti: la natura organizzativa dell’atto di scissione, che non determinerebbe un trasferimento patrimoniale e, quindi, non sarebbe aggredibile con l’azione revocatoria; l’irretrattabilità degli effetti della scissione una volta iscritta nel Registro delle imprese; la previsione, quale strumento di tutela ad hoc per i creditori della società scissa, del potere di opporsi alla scissione; la facoltà per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU