X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Necessaria l’armonizzazione per cambiare il CCNL applicato

Il raccordo con i lavoratori può essere trovato stipulando accordi individuali in sede protetta o accordi sindacali di armonizzazione

/ Alessandro ZACCONE

Lunedì, 13 gennaio 2020

La scelta del datore di lavoro di mutare il CCNL applicato presso la propria azienda dà luogo alla necessità di prevedere disposizioni di armonizzazione tra le previsioni del CCNL dismesso e quelle del CCNL di destinazione. Ciò anche al fine di prevenire sul nascere eventuali contenziosi da parte dei prestatori che vantano particolari trattamenti, economici o normativi in forza del contratto collettivo dismesso (si veda anche “Variazione del CCNL senza pregiudizio per i lavoratori“del 17 dicembre 2019).

Gli strumenti per provvedere a tale raccordo sono gli accordi di armonizzazione, da stipularsi con le sigle sindacali (aziendali, se presenti, o territoriali) firmatarie del CCNL di destinazione, o gli accordi individuali a carattere conciliativo stipulati con i singoli prestatori

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU