X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Credito d’imposta indiretto per i dividendi italiani pagati alla casa madre USA

La Convenzione Italia-Usa subordina, però, tale meccanismo al possesso del 10% delle azioni

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Mercoledì, 22 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

A livello europeo, il trattamento fiscale dei dividendi è generalmente orientato verso l’esenzione nel Paese di residenza del socio; tale criterio non è però universalmente adottato. A titolo esemplificativo, gli Stati Uniti ne prevedono la tassazione ai fini delle imposte sui redditi; contestualmente, il Trattato Italia-USA individua specifici meccanismi volti a evitare i fenomeni di doppia imposizione, la cui applicazione comporta oneri comunicativi aggiuntivi per le società italiane controllate da una casa madre statunitense.

Nel dettaglio, il regime fiscale dei dividendi che una società, residente in Italia, distribuisce alla casa madre statunitense deve essere analizzato alla luce delle pattuizioni recate dagli artt. 10 e 23 della Convenzione contro le doppie imposizioni Italia-Stati

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU