X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Al via la copertura assicurativa per i beneficiari di Rdc impegnati nei progetti utili alla collettività

/ REDAZIONE

Sabato, 22 febbraio 2020

Con un comunicato pubblicato ieri sul proprio sito istituzionale, il Ministero del Lavoro ha reso noto che è possibile avviare i progetti utili alla collettività (c.d. “PUC”), che i beneficiari del reddito di cittadinanza sono tenuti a svolgere nel proprio Comune di residenza per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16.

L’avviamento di tali progetti è stato reso possibile grazie alla pubblicazione, nella sezione “Pubblicità legale” sul sito del Ministero, del DM 14 gennaio 2020 che, approvando la determina INAIL n. 3/2020, stabilisce il premio speciale unitario pari a 0,90 euro su base giornaliera per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (art. 42 del DPR 1124/1965) per i soggetti impegnati nei PUC, beneficiari del reddito di cittadinanza o che si trovino in simili condizioni di povertà.

A tal fine, sulla Piattaforma GePI, da oggi, 22 febbraio 2020, sarà attivata una nuova funzione che consentirà ai Comuni di caricare sia i progetti messi in campo, sia l’elenco dei beneficiari Rdc per i quali deve essere aperta la copertura assicurativa.

TORNA SU