X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

IL PUNTO / IAS

Ritenute sugli interessi in derivazione rafforzata

L’art. 3 comma 3 del DM 48/2009 vale solo a individuare il titolare giuridico della ritenuta

/ Guerino RUSSETTI

Lunedì, 24 febbraio 2020

La “derivazione rafforzata” è – come più volte ricordato – lo strumento attraverso il quale la legislazione fiscale recepisce le modalità di contabilizzazione generate dall’applicazione del principio di rappresentazione sostanziale; la circostanza che, contabilmente, i fatti aziendali siano rappresentati in conformità al principio di prevalenza della sostanza sulla forma innesca, ai fini della determinazione del reddito d’impresa, il riconoscimento dei “diversi” criteri di qualificazione, classificazione e imputazione temporale previsti dai principi contabili adottati dall’impresa.

Non sempre, tuttavia, la derivazione rafforzata opera: da quanto appena affermato si intuisce, in primo luogo, come la stessa si attivi solo in presenza di una rappresentazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU