X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Matching credit nelle Convenzioni internazionali

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Giovedì, 23 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il meccanismo del credito per le imposte pagate all’estero previsto dall’art. 165 del TUIR consente di detrarre dall’imposta italiana, in tutto o in parte, l’imposta che i residenti italiani hanno assolto all’estero in via definitiva, al fine di evitare la doppia imposizione sul medesimo reddito. Viceversa, qualora il reddito prodotto nello Stato estero sia esente in virtù delle agevolazioni previste in tale Stato, il credito di imposta non compete.

Per ovviare a tale problematica alcune Convenzioni internazionali stipulate dall’Italia riconoscono un credito d’imposta figurativo (c.d. matching credit), sebbene nello Stato estero le imposte non siano state effettivamente pagate. Tale misura, come precisa la circ. Agenzia delle Entrate 5 marzo 2015 n. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU