X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel ravvedimento rivalsa e detrazione IVA seguono le regole ordinarie

Applicabile l’art. 60 del DPR 633/72 solo in presenza di avviso di accertamento o rettifica

/ Simonetta LA GRUTTA

Sabato, 22 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La neutralità dell’IVA, in caso di regolarizzazione di alcune cessioni domestiche mediante ravvedimento operoso, è garantita dall’emissione da parte del fornitore delle note di variazione in aumento; in tal modo, il cessionario è in possesso del documento che legittima l’esercizio del diritto alla detrazione.

Non è corretto, invece, ritenere l’imposta addebitabile in via di rivalsa e detraibile secondo le previsioni di cui all’art. 60, ultimo comma, del DPR 633/72, poiché tale disposizione si riferisce esclusivamente ai casi in cui il maggior tributo sia stato accertato dall’Amministrazione finanziaria.
Questi i principi che emergono dalla risposta a istanza di interpello n. 267, pubblicata ieri 21 agosto 2020 dall’Agenzia delle Entrate.

La fattispecie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU