X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 29 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Minimo storico per l’Euribor

Potrebbe iniziare un dibattito sull’opportunità di continuare a considerare congruo l’obiettivo di inflazione al 2%

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 19 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una riunione deludente quella della Fed di metà settimana: nulla è stato detto sul controllo della curva dei rendimenti che sarebbe auspicabile visto che l’incremento dell’indebitamento statale potrebbe provocare bruschi aumenti dei tassi.

Nessuna promessa specifica e circostanziata su altri stimoli; nessun dettaglio sul periodo di tempo in cui si sopporterà un’inflazione sopra il 2%. Chi si attendeva una Fed più accomodante e determinata almeno a parole, è stato deluso. La banca centrale promette tassi bassi almeno fino alla fine del 2023, un eventuale rialzo, arriverà solo quando l’inflazione si sarà portata sopra la soglia del 2% “per un certo periodo di tempo”. L’impatto sui tassi americani è stato praticamente nullo (10 anni a 0,68%; 2 anni 0,14%) ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU