X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

IMPRESA

La trasformazione è un istituto eterogeneo

La Cassazione sottolinea come comprenda figure diverse e dissimili tra loro

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 26 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’istituto della trasformazione, di cui agli artt. 2498 e ss. c.c., ricomprendendo in sé una congerie di figure diverse e anche molto dissimili tra loro, non si presta a una ricostruzione unitaria delle tematiche che le singole figure vengono a proporre. I creditori di titolo anteriore alla cancellazione dell’“ente originario” si avvantaggiano del regime di responsabilità proprio della relativa struttura. A tale regime rimane ancorata, di conseguenza, la fallibilità dell’“ente originario”, che l’intervenuta trasformazione non è idonea a impedire.

In caso di trasformazione, l’art. 10 del RD 267/1942 trova comunque applicazione nei confronti dell’“ente originario”. La soggettività fallimentare di questo ente non è diversa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU