X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il diritto alla detrazione dell’IVA è connesso alla volontà delle parti

L’Amministrazione finanziaria non può disconoscere la sostanza economica e commerciale degli accordi

/ Federico BARIDON

Mercoledì, 21 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza della Corte di Giustizia europea C-734/19 identifica alcuni principi a cui l’Amministrazione finanziaria si deve attenere nell’interpretazione dei contratti nell’ambito della verifica della sussistenza del diritto alla detrazione dell’IVA.

Il caso riguarda due progetti di costruzione immobiliare iniziati e successivamente interrotti a causa della crisi economica globale del 2008.
La prima contestazione riguardava il diritto alla detrazione dell’IVA pagata da un promotore immobiliare in relazione ad un progetto di costruzione di un complesso ad uffici, nonché di un complesso industriale da realizzarsi secondo le esigenze di un soggetto terzo. In entrambi i casi le opere non erano state portate a termine, a seguito di una decisione dell’imprenditore.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU