X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Discriminatorio ridurre il premio di risultato per la fruizione del congedo parentale

/ Giada GIANOLA

Sabato, 24 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I trattamenti meno favorevoli che le lavoratrici e i lavoratori subiscono in ragione dello stato di gravidanza, della maternità o della paternità o in ragione della titolarità e dell’esercizio dei relativi diritti costituisce una forma di discriminazione ai sensi dell’art. 25 comma 2-bis del DLgs. 11 aprile 2006 n. 198 (c.d. Codice delle pari opportunità tra uomo e donna).

Si distingue tra discriminazione diretta e discriminazione indiretta. La prima si realizza quando “qualsiasi disposizione, criterio, prassi, atto, patto o comportamento, nonché l’ordine di porre in essere un atto o un comportamento” produca un trattamento meno favorevole verso la lavoratrice o il lavoratore in ragione del loro sesso rispetto a un’altra lavoratrice o a un altro lavoratore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU