X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Crisi aziendale non prevedibile con mancato incasso di oltre il 40% del fatturato

La circostanza deve essere presa in considerazione per un’eventuale esclusione del dolo in relazione alla fattispecie di omesso versamento IVA

/ Ciro SANTORIELLO

Lunedì, 13 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sulla possibilità per l’imprenditore di giustificare il mancato versamento degli acconti IVA e delle ritenute d’acconto adducendo l’esistenza di una crisi aziendale, la posizione della giurisprudenza è da sempre assai rigorosa. In particolare, la Cassazione esclude ogni rilevanza alle condizioni economiche in cui versa il contribuente al momento del pagamento delle imposte e ciò in quanto la crisi di liquidità dell’azienda non può toccare il profilo della disponibilità delle somme da versare all’Erario, visto che di tali importi l’azienda deve aver già fatto provvista al momento del pagamento delle retribuzioni (Cass. SS.UU. n. 37424/2013 e Cass. n. 43599/2015).

In alcune decisioni può riscontrarsi una qualche apertura, con alcune decisioni che hanno riconosciuto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU