X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Patrimonio netto post fusione con attenzione alla composizione fiscale

In deroga all’art. 172 comma 4 del TUIR vi è una «corsia preferenziale» per la parte del patrimonio netto formato con utili in sospensione di imposta

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 28 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso di fusione per incorporazione, l’operazione può determinare in capo alla società incorporante un incremento del suo patrimonio netto, per effetto di:
- un eventuale aumento del capitale sociale finalizzato al concambio dei soci delle società incorporate;
- e/o una eventuale emersione di un avanzo di fusione da concambio o da annullamento, in relazione al quale sussistano i presupposti per la sua iscrizione tra le voci del patrimonio netto, anziché tra i fondi rischi del passivo.

A seconda della specifica fusione per incorporazione, può verificarsi sia l’una che l’altra eventualità, oppure una soltanto, così come può accadere che, non verificandosi alcun aumento di capitale sociale asservito al concambio, né manifestandosi alcun avanzo di fusione (bensì semmai un disavanzo),

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU