X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Somme da attività di meretricio da inquadrare come reddito diverso

/ Alice BOANO

Martedì, 12 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La giurisprudenza si è, in passato, interrogata sull’imponibilità dei redditi generati dall’attività di meretricio. L’orientamento dominante ritiene l’attività di meretricio imponibile quand’anche si trattasse di proventi illeciti, in ragione degli artt. 14 comma 4 della L. 537/93 e 36 comma 34-bis del DL 223/2006 (Cass. 13 maggio 2011 n. 10578).

Superata la tesi della non tassabilità gli orientamenti sono sostanzialmente due: da un lato, vi è chi ritiene si tratti di redditi di lavoro autonomo (C.T. Prov. Savona 21 giugno 2016 n. 389/1/16; cfr. anche il principio espresso dalla Corte di giustizia Ue 20 novembre 2001, causa C-268/99), dall’altro c’è chi distingue tra l’esercizio abituale dell’attività, con proventi riconducibili alla categoria ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU