ACCEDI
Domenica, 14 aprile 2024

PROFESSIONI

Contestata l’applicabilità ai sindaci dell’equo compenso

Secondo Assonime la L. 49/2023 si applicherebbe alle sole «convenzioni»

/ Maurizio MEOLI e Monica VALINOTTI

Venerdì, 4 agosto 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

A pochi mesi dall’entrata in vigore della L. 49/2023, in materia di equo compenso delle prestazioni professionali, iniziano a levarsi le voci di alcune tra le maggiori associazioni datoriali che evidenziano come l’applicazione della nuova disciplina potrebbe condurre, in alcuni casi, alla determinazione di compensi del tutto “fuori mercato”, con un esorbitante aumento dei costi per le imprese e per la Pubblica Amministrazione.
In tale contesto interviene la circolare Assonime n. 24, pubblicata ieri, che, dopo una sintesi dei contenuti della L. 49/2023, si concentra su un’inedita interpretazione del suo ambito di applicazione; interpretazione cui conseguirebbe l’inapplicabilità della disciplina in questione ai sindaci e ai revisori di società.

Secondo la tesi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU