ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Assegnazioni ai soci con effetti contabili differenti

Secondo l’orientamento prevalente, il differenziale tra valore di assegnazione e valore contabile deve essere rilevato a Conto economico

/ Silvia LATORRACA

Mercoledì, 20 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

In vista dell’approssimarsi del termine per effettuare assegnazioni di beni ai soci fruendo del regime agevolato previsto dalla L. 197/2022 (legge di bilancio 2023), può essere utile analizzare le relative modalità di contabilizzazione.
In mancanza di indicazioni da parte dei principi contabili nazionali, occorre riferirsi alla prassi e alla dottrina che si è occupata della materia.

Il trattamento contabile della fattispecie è direttamente influenzato dall’individuazione del c.d. “valore di assegnazione”, cioè il valore attribuito dai soci al bene ai fini dell’operazione, che, secondo il documento CNDCEC marzo 2016, è normalmente rappresentato dal valore di realizzo del bene, cioè dal valore di mercato.

Nella pratica professionale, il valore di assegnazione può corrispondere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU