ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Patent box in dichiarazione con il limite dei rapporti esauriti

/ REDAZIONE

Sabato, 10 febbraio 2024

x
STAMPA

Con le risposte a interpello nn. 39 e 41 di ieri, 9 febbraio, l’Agenzia delle Entrate è tornata ad occuparsi del precedente regime Patent box, di cui all’art. 1 commi 37-45 della L. 190/2014, fornendo chiarimenti in merito alle modalità di fruizione del beneficio.

In particolare, il caso affrontato nella risposta n. 39 riguarda una società che nel 2018 ha concluso un accordo di ruling con l’Agenzia delle Entrate per utilizzo diretto di beni immateriali relativamente ai periodi d’imposta dal 2015 al 2019.
La società, pur potendo recuperare il beneficio Patent box già con la dichiarazione annuale relativa al periodo d’imposta 2018, è però rimasta inerte e non ha presentato alcuna dichiarazione integrativa.

L’Agenzia delle Entrate ha affermato che il contribuente poteva recuperare il beneficio non fruito per i periodi d’imposta dal 2017 al 2019, in relazione ai quali, nel 2023, non erano ancora decorsi i termini per la presentazione delle dichiarazioni integrative a favore (cfr. art. 2 del DPR n. 322/98 e art. 43 del DPR 600/73). Tale facoltà era, invece, preclusa in relazione al beneficio relativo ai periodi d’imposta 2015 e 2016, posto che si trattava di periodi d’imposta per i quali, nel 2023, erano decorsi i termini di accertamento e non era più possibile presentare la dichiarazione integrativa a favore o istanza di rimborso.

La risposta n. 41 riguarda, invece, una società che nel 2022 ha sottoscritto un atto di modifica di un accordo di ruling già sottoscritto nel 2019 (per gli anni 2016-2020), che ha determinato il riconoscimento di una maggiore quota di reddito agevolabile limitatamente ai periodi d’imposta 2019 e 2020.

L’Agenzia delle Entrate ha affermato che il contribuente può fruire dell’agevolazione o mediante la presentazione delle dichiarazioni integrative relative ai periodi di imposta 2019 e 2020 o mediante l’indicazione del beneficio complessivo nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta 2022.

TORNA SU