X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Riconoscimento del debito non opponibile al fallimento

Ad analoghe conclusioni si giunge nel caso di confessione stragiudiziale; diversa la situazione dei crediti da lavoro certificati dalla busta paga

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 27 maggio 2019

Con alcuni recenti interventi, la giurisprudenza di legittimità è ritornata a esaminare la questione relativa al valore probatorio del riconoscimento del debito ex art. 1988 c.c. compiuto dall’imprenditore (in seguito fallito) e, conseguentemente, il problema del riparto dell’onere probatorio tra il beneficiario di tale riconoscimento, che intenda insinuarsi al passivo del fallimento, e il curatore.

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza 11 aprile 2019 n. 10215, è giunta a ritenere che, nell’ambito del procedimento di verifica del passivo fallimentare, il riconoscimento del debito da parte dell’imprenditore (in seguito dichiarato fallito) è liberamente apprezzabile dal giudice. Pertanto, il creditore – il cui diritto sia stato riconosciuto dal debitore – rimane ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU