X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esenzione da ritenuta sui dividendi con continuità del periodo di possesso

Secondo l’Agenzia delle Entrate, il principio vale anche nel contesto del trasferimento della sede delle società «madri» in Svizzera

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 12 settembre 2019

La risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 380 di ieri chiarisce che, ai fini della quantificazione del periodo di possesso necessario per l’esenzione da ritenuta sui dividendi nei rapporti tra società italiane e società svizzere, è possibile computare anche il periodo di possesso maturato in capo alla società controllante in un altro Stato, se questa si è poi trasferita in Svizzera in regime di continuità giuridica.

L’interpello ricorda che il regime di esenzione previsto in sede intracomunitaria dalla direttiva 2011/96/Ue è esteso ai rapporti tra le società comunitarie (tra cui, naturalmente, le società italiane) e le società svizzere dall’art. 15 dell’Accordo tra Unione europea e Svizzera del 26 ottobre 2004 (sostituito, senza modifiche su questo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU