X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 2 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dilazione di pagamento con voto dei creditori

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 31 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento, così come nel piano del consumatore, è ammissibile una dilazione del pagamento dei debiti prelatizi oltre il termine annuale dall’omologazione (art. 8 comma 4 della L. 3/2012) e al di là delle fattispecie di continuità aziendale, purché si attribuisca ai creditori il diritto di voto a fronte della perdita conseguente al ritardo con cui vengono corrisposte le somme a essi spettanti o, con riferimento al piano del consumatore, purché sia data la possibilità di esprimersi sulla proposta del debitore.

Così la Corte di Cassazione n. 27544/2019 aderisce ai principi espressi recentemente dalla pronuncia n. 17834/2019, secondo cui la diversa conclusione non è ostacolata dalla circostanza che nella procedura del piano del consumatore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU