X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Criteri diversi per la maturazione e l’utilizzo del plafond

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Lunedì, 25 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Alla formazione del plafond IVA concorrono le operazioni attive non imponibili registrate dall’esportatore abituale nell’anno solare precedente o nei 12 mesi anteriori, a seconda che sia adottato, rispettivamente, il metodo del plafond fisso o quello del plafond mobile (art. 2 comma 2 della L. 28/97).
Il plafond disponibile è utilizzato, invece, nel momento in cui l’operazione si considera effettuata. Non rileva, pertanto, la data di registrazione della fattura di acquisto o di annotazione della bolletta doganale di importazione.

Per individuare temporalmente le operazioni che permettono di maturare il plafond occorre adottare, dunque, il criterio della registrazione. Questo criterio contribuisce a semplificare gli adempimenti dei soggetti passivi, in quanto il plafond disponibile

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU