X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Irrilevante la definizione concordata della lite tributaria ai fini contributivi

L’accertamento dell’Agenzia delle Entrate rimane efficace ai fini del calcolo dei contributi INPS e conserva valore probatorio

/ Viviana CHERCHI

Lunedì, 25 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 950/2021, la Cassazione torna a pronunciarsi sulla questione degli effetti della definizione concordata della lite tributaria sull’obbligazione contributiva previdenziale, dando continuità al proprio costante indirizzo.

Al riguardo, occorre ricordare che, ai sensi dell’art. 36-bis del DPR 600/73, l’Amministrazione finanziaria è abilitata a effettuare accertamenti formali e sostanziali sui dati denunciati dai contribuenti e, nel caso in cui emerga un maggior reddito rispetto a quello dichiarato, a quantificare e richiedere, mediante la notifica di un avviso di accertamento, i contributi dovuti sul maggior reddito.
In sede di contenzioso con l’Agenzia delle Entrate, il contribuente può accedere ad alcuni strumenti agevolativi tra cui la definizione concordata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU