X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 4 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Scudo fiscale opponibile al redditometro in caso di correlazione oggettiva

Per la Cassazione va dimostrato che il reddito non dichiarato è collegato alle somme oggetto di scudo

/ Alice BOANO

Martedì, 23 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disciplina relativa allo “scudo fiscale” di cui all’art. 13-bis del DL 78/2009 deve ritenersi opponibile anche agli atti di accertamento sintetici per i periodi di imposta antecedenti all’emersione di attività costituite all’estero e devono ritenersi escluse dall’efficacia inibente dello “scudo” tutte quelle fattispecie in cui l’accertamento abbia ad oggetto comportamenti estranei rispetto alle attività “scudate” e con essi non compatibili.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione ieri, 22 febbraio 2021, mediante l’ordinanza n. 4719.

Per effetto dell’art. 14 comma 1 lett. a) del DL 350/2001, richiamato dall’art. 13-bis del DL 78/2009, lo scudo fiscale “preclude nei confronti del dichiarante e dei soggetti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU