X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Piccole difformità edilizie non fermano il superbonus

L’attestazione dello stato legittimo è ostacolo delle detrazioni «edilizie» diverse dal superbonus

/ Marco GALLEA

Lunedì, 27 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le difformità edilizie sono numerosissime e per gran parte sconosciute ai proprietari, i quali spesso non sono gli autori delle stesse (si pensi agli abusi edilizi realizzati negli anni Settanta e Ottanta che possono emergere soltanto nel momento in cui oggi si intenda procedere alla cessione dell’immobile).

Gran parte degli immobili difformi non sono regolarizzabili con le regole attuali e, anche se essi sono tecnicamente vendibili, il loro valore è pesantemente inciso dalla presenza di tali irregolarità (anche se risalenti negli anni). In alcune Regioni poi, le norme regionali parificano le piccole difformità all’abuso totale per gli immobili siti in zone “paesaggisticamente vincolate”, anche se tali fabbricati sono di nessun pregio architettonico e hanno difformità

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU