X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 28 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il diniego espresso cancella il processo pendente contro il silenzio-rifiuto

La soluzione si presta ad abusi del processo

/ Alice BOANO

Mercoledì, 22 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Qualora l’Amministrazione decida di non protrarre ulteriormente il proprio silenzio-rifiuto adottando un provvedimento di rigetto, il termine per l’impugnazione dell’atto inizia a decorrere da quando viene emanato il provvedimento, senza che il contribuente possa proseguire il giudizio relativo all’impugnazione del silenzio-rifiuto.
È quanto ha deciso la Corte di Cassazione, mediante la pronuncia n. 25446, depositata ieri, 21 settembre 2021, prendendo così posizione sulla questione inerente al rapporto fra il silenzio-rifiuto avverso il quale si propone ricorso giudiziale e quello successivamente adottato dall’Amministrazione finanziaria.

Il caso, infatti, riguardava una associazione che aveva proposto ricorso contro un provvedimento con il quale veniva sospesa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU