X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sovrapprezzo in bilico tra ritenuta e tassazione piena

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 27 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La ripartizione delle riserve di capitale (riserva sovrapprezzo, versamenti in conto capitale ecc.) per un importo eccedente il costo della partecipazione detenuta presenta tuttora aspetti dubbi, sia per la diversa qualificazione degli eventuali redditi rivenienti dall’operazione tra soci non imprenditori e soci imprese, sia per un quadro normativo non esaustivo per i primi.

I redditi in questione si originano, tipicamente, nelle situazioni in cui questi versamenti sono stati effettuati in misura non proporzionale, quando invece la giurisprudenza maggioritaria vuole che, una volta che le somme sono allocate a patrimonio netto, la successiva ripartizione tra i soci debba avvenire con caratteri di proporzionalità. Se, ad esempio, una società è stata costituita dal socio unico A con il versamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU