X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente plusvalenza per le aree a «verde pubblico» se inedificabili dal privato

Secondo la Cassazione la cessione genera plusvalenze imponibili quando l’edificazione può essere affidata a terzi

/ Arianna ZENI

Lunedì, 29 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La cessione di terreni vincolati a scopi pubblici non genera plusvalenza, in quanto viene esclusa l’edificabilità, se al privato è preclusa qualsiasi forma di trasformazione del suolo.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione, con l’ordinanza dell’8 novembre 2021 n. 32491, nella quale è tornata ad occuparsi della corretta qualificazione delle aree destinate a “verde pubblico” dal piano regolatore generale del Comune ed, in particolare, sulla controversa questione della tassabilità delle plusvalenze afferenti il trasferimento oneroso delle aree destinate a finalità pubblica.

Il caso affrontato dalla Corte riguarda la problematica relativa alle cessioni delle aree F, destinate ad un’utilizzazione edificatoria di interesse pubblico e, quindi, se possano o meno

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU