ACCEDI
Mercoledì, 26 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Bancarotta per distrazione se c’è pericolo per i creditori

Il valore dei beni oggetto di distrazione deve essere considerato in termini assoluti

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 29 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza n. 16414/2024 della Cassazione prende in esame la fattispecie di bancarotta fraudolenta per distrazione (ex artt. 216 comma 1 n. 1 e 223 comma 1 del RD 267/42, oggi, in relazione alla liquidazione giudiziale, artt. 322 comma 1 lett. a) e 329 comma 1 del DLgs. 14/2019) a fronte di contestazioni difensive attinenti alla realizzazione delle operazioni in un momento di normale operatività e regolare funzionamento dell’impresa e alla scarsa rilevanza quantitativa dei beni “in tesi” distratti.

Si ricorda che la fattispecie in questione è un reato di pericolo concreto e di mera condotta per la cui integrazione non è necessaria l’esistenza di un nesso causale tra i fatti di distrazione e il successivo fallimento, essendo sufficiente che l’agente abbia cagionato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU