X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

«Non solo fannulloni»: tutto il buono della P.A.

In occasione della presentazione del volume sulla faccia efficiente della pubblica amministrazione, riflessione sulla riforma Brunetta

/ Antonella MIGLIACCIO

Sabato, 10 aprile 2010

x
STAMPA

Con un volume di affari di 200 miliardi l’anno, in termini di infrastrutture, servizi, risorse, prodotti industriali, la Pubblica amministrazione in Italia rappresenta il 21% del PIL. Una struttura di 3.600.000 dipendenti, che corrisponde al 14,6% della forza lavoro del Paese, per un costo annuo di 176 miliardi di euro per le casse dello Stato.

“Una macchina che, se funzionasse bene, potrebbe fare da volano per l’intero Paese”. Lo sostiene Paolo Crescimbeni, presidente dell’INPDAP, che ha espresso la sua opinione sulla macchina amministrativa italiana nel corso del convegno sul fenomeno del “fannullonismo” svoltosi in occasione della presentazione del volume fotografico di Vito Tenore, professore e consigliere della Corte dei Conti. “Non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU