X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Errore sul fatto rilevante solo se colposo

In una recente sentenza, la Suprema Corte afferma anche che, nelle sanzioni tributarie, la colpa è presunta salvo prova contraria

/ Alberto MARCHESELLI

Venerdì, 7 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza 13755 del 31 maggio 2013, la Corte di Cassazione si pronuncia sui limiti della rilevanza dell’errore scusabile” ai fini dell’esclusione della sanzione amministrativa tributaria.

Si trattava della condotta di un datore di lavoro che aveva fruito dei crediti d’imposta per nuove assunzioni per lavoratori che non erano in possesso dei relativi requisiti.
Il punto controverso era che il datore di lavoro affermava di aver agito in buona fede e di essere quindi scriminato dalla norma dell’art. 6 del DLgs. 476/1992, che esclude la responsabilità in caso di errore sul fatto non determinato da colpa.
Nella fattispecie ricorreva evidentemente una questione di eventuale errore sul fatto (i lavoratori avevano o meno lavorato a tempo indeterminato nei 24 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU