Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Clausola di prelazione a rischio elusione

La Corte d’Appello di Torino «neutralizza» il tentativo di aggirare una clausola di prelazione con l’intreccio di una serie di operazioni collegate

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 21 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una clausola di prelazione non applicabile ai trasferimenti di azioni effettuati in favore di società controllate dai soci deve reputarsi violata nel caso in cui un socio, dapprima, cede le azioni ad una controllata nel contesto di una cessione di ramo d’azienda e, poi, trasferisce la partecipazione nella società controllata ad un terzo.
È questo il principio desumibile dalla sentenza 14 ottobre 2013 della Corte d’Appello di Torino.

Lo statuto della Alfa spa presenta una clausola di prelazione che riserva ai soci un diritto di prelazione per la cessione a terzi delle azioni a qualunque titolo per atto tra vivi, regolandone le modalità (tra le quali è specificamente prevista l’indicazione nella denuntiatio del potenziale acquirente). In particolare, si precisa come la prelazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU