ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Diritto al contraddittorio anche per gli accertamenti «in ufficio»

Per la Provinciale di Ascoli Piceno è «verifica» ai sensi dell’art. 12 dello Statuto del contribuente ogni controllo fiscale

/ Alberto MARCHESELLI

Martedì, 3 dicembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 302/2/13, depositata il 18 novembre scorso, la C.T. Prov. di Ascoli Piceno esamina il problema della sussistenza o meno del diritto del contribuente di interloquire prima della emissione dell’avviso di accertamento, formulando le proprie difese, nel caso di controlli in ufficio. E’ la questione, dipendente e conseguente, dell’eventuale sanzione per l’ipotesi che tale diritto venga violato.

Come noto, l’impostazione restrittiva, sostenuta dalla Agenzia delle Entrate, fa leva sull’argomento letterale secondo cui la regola di cui al comma 7 dell’art. 12 dello Statuto del contribuente si applicherebbe solo al caso di verifica sul campo e di rilascio di verbale di constatazione di chiusura delle operazioni.

Tale tesi è sicuramente fondata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU