X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Diritto al contraddittorio anche per gli accertamenti «in ufficio»

Per la Provinciale di Ascoli Piceno è «verifica» ai sensi dell’art. 12 dello Statuto del contribuente ogni controllo fiscale

/ Alberto MARCHESELLI

Martedì, 3 dicembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 302/2/13, depositata il 18 novembre scorso, la C.T. Prov. di Ascoli Piceno esamina il problema della sussistenza o meno del diritto del contribuente di interloquire prima della emissione dell’avviso di accertamento, formulando le proprie difese, nel caso di controlli in ufficio. E’ la questione, dipendente e conseguente, dell’eventuale sanzione per l’ipotesi che tale diritto venga violato.

Come noto, l’impostazione restrittiva, sostenuta dalla Agenzia delle Entrate, fa leva sull’argomento letterale secondo cui la regola di cui al comma 7 dell’art. 12 dello Statuto del contribuente si applicherebbe solo al caso di verifica sul campo e di rilascio di verbale di constatazione di chiusura delle operazioni.

Tale tesi è sicuramente fondata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU