X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Rinuncia a impugnare il licenziamento valida senza il rispetto della procedura

Non paiono sussistere motivazioni di tipo giuridico per ritenere che un vizio di natura procedimentale sia escluso dalla disciplina di cui all’art. 2113 c.c.

/ Francesca TOSCO

Venerdì, 24 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’interpello n. 1 del 22 gennaio 2014, il Ministero del Lavoro ha affermato la validità di una conciliazione, conclusa in sede sindacale, nella quale il lavoratore rinunci al diritto a impugnare il licenziamento, anche nell’ipotesi in cui lo stesso sia stato effettuato senza rispettare la procedura preventiva prevista dall’art. 7 della L. 604/1966.
In risposta ad un quesito di Confindustria, sono stati, dunque, forniti chiarimenti sulla relazione tra l’art. 2113 c.c., concernente la rinuncia, ossia l’atto con cui il lavoratore decida di non esercitare più un proprio diritto, e il nuovo art. 7 della legge sui licenziamenti individuali, inserito dalla riforma del mercato del lavoro (L. 92/2012).

In base alla citata norma codicistica, sono invalide le rinunce e ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU