X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Via libera definitivo al «Jobs Act»

Ieri il Senato ha approvato con voto di fiducia il testo «blindato» trasmesso dalla Camera

/ Luca MAMONE

Giovedì, 4 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro non sarà più prevista nel caso dei licenziamenti economici illegittimi, mentre per quelli disciplinari ingiustificati verrà limitata a “specifiche fattispecie”. Si tratta certamente di una delle novità più significative introdotte alla Camera nel testo del Jobs Act, approvato ieri sera in via definitiva dal Senato con 166 voti favorevoli, 112 contrari e un astenuto, dopo che il Governo aveva posto la questione di fiducia.

Spetterà ora all’Esecutivo darne attuazione, già entro i prossimi 6 mesi, sulla base delle deleghe contenute nel provvedimento. Ricordiamo (si veda “Via libera al «Jobs Act», niente reintegro per i licenziamenti economici” del 9 ottobre) che esse sono cinque e riguardano: la razionalizzazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU