X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

IVA sulle somme per risoluzione anticipata dei contratti di distribuzione

/ Rodolfo LOCCO

Venerdì, 6 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il mancato raggiungimento dei target di vendita, connesso alla stagnazione economica, ha quale conseguenza diretta un sempre più diffuso ricorso allo strumento della risoluzione anticipata dei contratti di distribuzione commerciale.

Il contratto di distribuzione è, d’altronde, una fattispecie atipica, ossia priva di una specifica disciplina legislativa in cui, conseguentemente, l’autonomia delle parti (ex art. 1322 c.c.) trova massima esplicazione. Quindi, in tale ambito, non esistono norme di per sé inderogabili, sempre che siano rispettati i seguenti vincoli:
- le clausole contrattuali, potenzialmente vessatorie, ovvero frutto di specifiche trattative tra le parti, devono essere espressamente approvate per iscritto (art. 1341 c.c.);
- in sede di formazione del contratto, le parti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU