X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

IL CASO DEL GIORNO

Per alcuni giudici raddoppio dei termini «cumulabile»

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 12 novembre 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DL 138/2011, all’art. 2 comma 5-ter, aveva stabilito che, in riferimento all’IVA e per i soggetti che si sono avvalsi delle sanatorie introdotte dalla L. 289/2002, i termini di decadenza dal potere di accertamento che erano pendenti al 31 dicembre 2011 sarebbero stati prorogati di un anno (si veda “Condono IVA per il 2002 accertabile entro fine 2012” del 10 settembre 2011).
Pertanto, l’annualità 2006, che, ordinariamente, sarebbe decaduta il 31 dicembre 2011, per effetto di tale norma è decaduta il 31 dicembre 2012.

Occorre rammentare che, in base a una differente interpretazione, addirittura l’anno 2002 potrebbe essere oggetto di proroga, per le seguenti considerazioni: ordinariamente, il periodo d’imposta 2002 è decaduto il 31 dicembre 2007; in presenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU