ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Collaborazioni senza presunzione di subordinazione più ampie nello sport

Beneficiano dell’esclusione non solo le associazioni sportive dilettantistiche, ma anche il CONI e le Federazioni sportive nazionali

/ Mario PAGANO

Lunedì, 8 febbraio 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 6/2016, interviene, ancora una volta, su un argomento tra i più delicati tra quelli contenuti nel DLgs 15 giugno 2015 n. 81, relativo alle collaborazioni organizzate dal committente.

Il quesito arriva sia dall’ANCL che dal CONI e si concentra sulla portata del comma 2 dell’art. 2 del DLgs. 81/2015, con riferimento alla possibilità di comprendere, nelle ipotesi di esclusione previste alla lettera d) della norma, non solo le associazioni sportive dilettantistiche ma anche lo stesso CONI, le Federazioni sportive nazionali, le discipline associate e gli Enti di promozione sportiva riconosciuti.

Infatti, a decorrere dal 1° gennaio 2016 le collaborazioni, di qualsiasi natura, sia quelle coordinate e continuative ai sensi del 409 c.p.c., ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU