X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

FISCO

In Dogana le merci equivalenti diventano la «regola»

Con il nuovo Codice doganale il loro utilizzo non è più limitato al solo perfezionamento passivo

/ Francesco D'ALFONSO

Mercoledì, 14 settembre 2016

Le merci equivalenti costituiscono merci unionali (non unionali in caso di perfezionamento passivo) immagazzinate, utilizzate o trasformate al posto di merci vincolate a un regime speciale. A seguito dell’entrata in vigore del CDU (Regolamento Ue n. 952/2013), è possibile utilizzare merci equivalenti nell’ambito del regime di deposito doganale, di zone franche, di uso finale e di perfezionamento nonché, ma solo in casi specifici, di ammissione temporanea.

In particolare, avremo che, nell’ipotesi di deposito doganale, ammissione temporanea o perfezionamento attivo, le merci equivalenti (e, in caso di perfezionamento attivo, i prodotti trasformati) divengono merci non unionali e le merci che esse sostituiscono diventano merci unionali al momento del loro svincolo per il successivo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU