X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

Eredi al di fuori del raddoppio dei termini

Non possono subire le conseguenze parasanzionatorie derivanti da condotte del defunto

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 8 febbraio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza n. 241/45/16, la Commissione tributaria regionale di Milano affronta una “singolare” fattispecie: l’accertamento tributario notificato agli eredi (dell’autore dell’illecito) nel “doppio” del termine ordinario. La C.T. Reg. di Milano, confermando la sentenza di primo grado, nega che i termini di notifica possano essere raddoppiati automaticamente, in assenza della responsabilità degli eredi estranei alla condotta penale.

In presenza di una violazione fiscale che imponga l’obbligo di denuncia (ex art. 331 c.p.p.) per uno dei reati previsti dal DLgs. 10 marzo 2000 n. 74, i termini dell’accertamento tributario venivano raddoppiati, relativamente al periodo di imposta in cui era stata commessa la violazione. L’istituto, tradizionalmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU