X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Credito per imposte estere al bivio delle certificazioni

Possibile scomputare l’imposta assolta nell’altro Stato anche se acquisisce carattere definitivo dopo la presentazione del modello REDDITI 2018

/ Gianluca ODETTO

Martedì, 24 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La compilazione del quadro CE, riguardante il credito per le imposte estere, risulta problematica nel momento in cui il contribuente non sia ancora in possesso della documentazione attestante le imposte versate a titolo definitivo nell’altro Stato.

Nella circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 9/2015 (§ 2.4) si raccomanda, infatti, di conservare la documentazione (talvolta proveniente dal sostituto d’imposta estero, talvolta dall’Amministrazione dell’altro Stato) che comprova – e soprattutto quantifica in modo ufficiale – il reddito corrisposto e le imposte versate, la quale viene infatti regolarmente richiesta nell’ambito dei controlli che l’Agenzia stessa effettua a norma dell’art. 36-ter del DPR 600/73.
Questa documentazione, tuttavia, spesso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU