ACCEDI
Venerdì, 14 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Le offese in una chat privata non sono diffamazione

Il carattere di «corrispondenza privata» esclude l’intento denigratorio e pertanto non può fondare un licenziamento

/ Federica VIVIANI

Martedì, 11 settembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

I messaggi che circolano attraverso le nuove “forme di comunicazione”, ove inoltrati non a una moltitudine indistinta di persone ma unicamente agli iscritti ad un determinato gruppo, come nelle chat private o chiuse, devono essere considerati alla stregua della corrispondenza privata, chiusa ed inviolabile.
Tale caratteristica porta ad escludere, rispetto a questa tipologia di messaggi, qualsiasi intento o idonea modalità di diffusione denigratoria, tale da integrare un illecito.

Di conseguenza, è priva del carattere di illiceità – e, pertanto, non può fondare un licenziamento disciplinare – la condotta del lavoratore che abbia rivolto offese all’amministratore delegato nel corso di una conversazione su Facebook svolta in una chat chiusa o privata.
Lo ha stabilito la Corte di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU