Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

PEX «abusiva» per la cessione separata di partecipazioni dal resto dell’azienda

L’unitarietà della plusvalenza da cessione d’azienda impedisce di scorporare la quota parte di plusvalenza riconducibile a partecipazioni coi requisiti PEX

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 7 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando si procede alla cessione di un’azienda o di un ramo d’azienda, la relativa plusvalenza è determinata ai sensi dell’art. 86 del TUIR e non è assistita da alcuna forma di esenzione totale o parziale ai fini delle imposte sul reddito, come avviene invece per le plusvalenze realizzate su partecipazioni con i requisiti di cui all’art. 87 del TUIR.

La plusvalenza da cessione d’azienda è unica e la sua determinazione è unitaria. In altre parole, essa non è la mera sommatoria algebrica delle plusvalenze riconducibili ai singoli elementi patrimoniali che compongono l’azienda ed è pertanto “insensibile” alle specifiche regole fiscali di determinazione delle plusvalenze afferenti le cessioni di detti beni.
Ciò implica, ad esempio, che, se nel complesso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU