X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Definizione della lite garantita dalla mancata notifica dell’atto presupposto

Possibile definire anche ricorsi contro ipoteche e fermi

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 13 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per definire la lite ai sensi dell’art. 6 del DL 119/2018, è necessario che, entro il 31 maggio 2019, sia presentata domanda di definizione e sia stata versata almeno la prima rata del piano di dilazione.

La definizione delle liti in oggetto è formulata come il “vecchio” art. 16 della L. 289/2002, e non come l’art. 11 del DL 50/2017, sicché non tutti gli atti sono suscettibili di definizione, ma solo quelli sostanzialmente impositivi.
I problemi maggiori, come evidenziato nel Quaderno Eutekne 147, emergono per le cartelle di pagamento e per gli avvisi di liquidazione.

Un tema che spesso viene posto all’attenzione dei giudici tributari riguarda l’omessa notifica dell’atto presupposto, che, se dimostrata, conduce, come ormai pacifico sin dalle Sezioni Unite ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU