X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

La definizione del PVC lascia intatto il credito anche in caso di frode

/ REDAZIONE

Martedì, 21 maggio 2019

In base a quanto emerge dalla risposta a interpello n. 145 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata ieri, la società risultante dalla fusione per incorporazione può utilizzare in compensazione o domandare a rimborso il credito trasferito da una delle controllate alla controllante nell’ambito della liquidazione IVA di gruppo (e poi ulteriormente trasferito alla società incorporante per effetto della fusione) quand’anche sia stata commessa una frode.

Ciò nella misura in cui la controllata abbia definito il verbale di constatazione ai sensi dell’art. 1 del DL 119/2018 e la definizione si sia perfezionata con la presentazione della dichiarazione integrativa nonché il versamento (di tutte le somme o della prima rata) entro il 31 maggio 2019.

Si rileva, nella risposta, come “l’integrale versamento di quanto indicato nel PVC – pari al credito IVA indebitamente detratto da BETA [controllata, ndr] – sia idoneo a ripristinare la capienza iniziale del credito trasferito”.

TORNA SU