X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

LAVORO & PREVIDENZA

Entro il 31 maggio la domanda per differire gli adempimenti contributivi

La richiesta può essere fatta anche a solo scopo cautelativo in caso di chiusura aziendale per ferie collettive e il termine non è perentorio

/ Daniele SILVESTRO

Sabato, 25 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 31 maggio 2019 scade il termine per la presentazione all’INPS della richiesta di differimento dei termini di versamento e denuncia dei contributi dovuti in caso di chiusura aziendale per ferie collettive. Tuttavia il termine non è perentorio e possono essere accolte, in situazioni particolari, anche domande presentate in ritardo.

Queste aziende, che chiudono o sospendono la propria attività per permettere ai lavoratori di usufruire delle ferie previste per legge e per CCNL, possono trovarsi in difficoltà organizzativa e operativa nell’ottemperare materialmente agli adempimenti richiesti dall’Istituto, vale a dire al versamento dei contributi e alla loro relativa denuncia, che devono essere eseguiti normalmente entro il 16 del mese successivo al periodo di riferimento, per

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU