X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 11 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Adeguata verifica di clienti già censiti per sopravvenute disposizioni di legge

Lo schema di DLgs. antiriciclaggio prevede l’applicabilità dell’art. 23 del DLgs. 231/2007 anche per i clienti già acquisiti prima del 4 luglio 2017

/ Annalisa DE VIVO

Mercoledì, 3 luglio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il recepimento della quinta direttiva antiriciclaggio è ormai imminente. Nella seduta dello scorso 1° luglio il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato in via preliminare il testo del decreto attuativo della direttiva 2018/843/Ue, che modifica nuovamente il DLgs. 231/2007, con risvolti di indubbio interesse anche per i professionisti destinatari degli obblighi antiriciclaggio.

Rispetto alla bozza posta in pubblica consultazione nel mese di marzo, il testo approvato contiene alcune modifiche rilevanti anche con riferimento ai presupposti della adeguata verifica della clientela: in particolare, il restyling del quarto comma dell’art. 17 del DLgs. 231/2007 richiede una attenta riflessione.

Nel testo attualmente vigente, la norma recita: “I soggetti obbligati adempiono alle disposizioni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU