X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Calcolo di tassazione effettiva estera e virtuale italiana in cerca di certezze

Le indicazioni rese in ambito di CFC «white» in attesa di conferme e di integrazioni

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Mercoledì, 3 luglio 2019

Il livello di tassazione effettiva dell’impresa o ente estero partecipato è un indice ottenuto rapportando le sue imposte locali all’utile ante imposte, mentre il livello di tassazione “virtuale” nostrana si ottiene, a parità di denominatore, sulla scorta delle imposte che il medesimo soggetto avrebbe scontato ove residente nel nostro Paese.

Il confronto tra il primo fattore e la metà del secondo non assume rilievo solo ai fini della odierna disciplina CFC di cui all’art. 167 del TUIR: la comparazione, infatti, è richiamata dal nuovo art. 47-bis comma 1 lett. a) del TUIR e, per il suo tramite, opera anche al fine di individuare i dividendi o le plusvalenze da partecipazioni “privilegiati”, in relazione a investimenti controllati extra-Ue ed extra-See. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU